Sanremo 2013: l’ultima volta di Fazio all’Ariston

220px-Fabio_Fazio_croppedFabio Fazio, conduttore e direttore artistico della kermesse, annuncia che sarà la sua ultima volta al Festival! Assicura di aver puntato, per questa edizione 2013, alla qualità e alla contemporaneità e si dice soddisfatto in quanto alcuni pezzi sono scritti da grandi autori della musica italiana. Ecco quindi giustificate le sue scelte, unico rammarico, condiviso anche da Mauro Pagani, direttore artistico musicale della Kermesse canora e che ha selezionato i brani ammessi, non aver potuto ammettere Antonella Ruggiero “aveva un brano bellissimo. Spero che i grandi, ascoltando il Festival quest’anno, siano stimolati a partecipare, confortati dal fatto che autori importanti abbiano accettato di mandare i loro brani in gara”.
Fabio Fazio confessa a “il Mattino” per quanto riguarda il delicato argomento della par condicio, di non essere preoccupato per i monologhi della Littizzetto :
“non avremo candidati sul palco. Poi se un cantante si mette la maglietta di Che Guevara non è che noi possiamo fare molto”.
Non resta che aspettare la risposta del pubblico alla 63esima edizione del festival di Fazio per tirare le somme, inutile azzardare pronostici, inutili il “chiacchiericcio” di conduttori e dei loro ospiti nelle varie “arene” televisive e il cinguettio di giornalisti, critici e discografici in rete, i giornalisti delle più importanti testate nazionali,dopo l’ascolto in anteprima, per la stampa, dei brani, hanno proclamato un vincitore unamime: Elio e le Storie Tese, ma, come sempre, hanno fatto i conti senza l’oste: “il pubblico”, a cui spetta l’unico e vero verdetto finale e che, nel frattempo, fra tanto bailame, sornione, aspetta l’arrivo di …Sanremo.

Annunci

19 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. alice
    Gen 29, 2013 @ 11:35:53

    Buongiorno non capisco perchè se la canzone della Ruggiero era bellissima non sia stata ammessa, si poteva fare un’eccezione? Non c’era fra quelle ammesse una canzone da escludere per lasciare spazio alla Ruggiero?
    Sui Festival degli ultimi anni devono dire che non mi è piaciuto per niente il trattamento riservato al girone dei “giovani” veramente pessimo. Sempre meno spazio per loro, alcune volte li hanno fatti esibire a tarda ora quando la maggior parte della gente era già a letto. Vi ricordate nel 2010 cosa è successo a Jessica Brando? Non si era potuta esibire perché era passata la mezzanotte e lei era minorenne, avevano mandato in onda un filmato delle prove che aveva fatto senza trucco e mi pare fosse vestita in jeans, bella figura tutti vestiti e truccati benissimo lei sembrava cenerentola. E l’anno scorso ? hanno fatto sfide dirette fra i ragazzi e se la sono cavata con poco tempo a loro disposizione. Non dovrebbero essere loro il futuro della musica, dargli un po’ più di spazio sembra brutto? Da Sanremo giovani sono partiti tanti che adesso sono big della musica, Pausini, Ramazzotti, Giorgia ecc., se avessero partecipato in questi ultimi anni chissà come sarebbe andata per loro. Spero per i giovani che partecipano quest’anno che Fazio dia loro un po’ più di spazio perché ce ne sono alcuni che mi piacciono e che meritano tipo Il Cile, Paolo Simoni e pure Nardinocchi non è male

    Rispondi

  2. AnnaSpocchiossa
    Gen 29, 2013 @ 12:06:20

    @Alice,ciao!Concordo su tutto quello che hai scritto ! Magari invece della formula delle due canzoni per i big ,potevano dare spazio ai ragazzi!Confermo IL Cile..io l’avrei messo tra i big! Onestamente il ragazzo ,visto il successo riscosso con l’album d’esordio ,tra l’altro con brani con tematiche di tutto rispetto, se lo sarebbe ampiamente meritato! Nardinocchi dici….se ti legge for president gongola ,) LO possinooooo! 😀

    Rispondi

  3. alice
    Gen 29, 2013 @ 12:32:42

    @ Anna .
    Ciao, guarda gongoli quanto vuole ogni tanto fra tante cazzate una cosa buona può riuscire anche a lui non fosse altre che per il calcolo delle probabilità.
    La canzone di Nardinocchi che davano mesi fa all’inizio non mi ha colpita ma a furia di sentirla mi è piaciuta. Fra i tre che ho citato quello che mi piace di più però è Il Cile.

    Rispondi

  4. eli
    Gen 29, 2013 @ 12:34:25

    Buongiorno a tutte ………….Intervista di Conti a Fabri Fibra su tgcom parla di Valerio

    Rispondi

  5. AnnaSpocchiossa
    Gen 29, 2013 @ 13:34:23

    E facciamoli parlare ! A me, fondamentalmente su quello che dice e pensa FABRI Fibra…non mi interessa un cappero! Noi sappiamo Valerio cosa stà facendo e crediamo fortemente in lui! Quindi ,come cita la canzone di NEFFA ,CHE ASCOLTO MOLTO VOLENTIERI IN RADIO NEGLI ULTIMI GIORNI “devi stare molto calmo,devi stare molto calmo”! Quindi ,mostriamo che la nostra intelligenza và oltre e che rispettiamo il suo pensiero! (anche no) ma ci sforziamo ! 😀

    Rispondi

  6. Luisa
    Gen 29, 2013 @ 15:12:14

    Buon giorno ragazze, concordo con Alice pure a me piace Il Cile, ho comprato il suo cd e l’ho travato, nelle canzoni, molto variegato!! Mi spiace per Nardinocchi, non lo conoscevo e l’ho ascoltato ora, per la prima volta, non mi dice nulla, la vocalità non mi piace, è piatto!! Una cosa mi ha colpito, quello che ha scritto Alice….

    La canzone di Nardinocchi che davano mesi fa all’inizio non mi ha colpita ma a furia di sentirla mi è piaciuta.

    La potenza delle radio!!!! ehhhhh se Valerio lo passassero in radio, credo proprio che piacerebbe a molti……o no!!! 😉

    Rispondi

  7. maria57
    Gen 29, 2013 @ 15:33:13

    Ciao a tutte! @Luisa sono d’accordo con te, è capitato anche a me con la canzone di Antonacci “Non vivo più senza te”, la prima volta che l’ho sentita mi sono detta che è sta ca..ta, poi a furia di sentirla in radio l’ho trovata molto piacevole e la canticchiavo pure………………potere delle radio!!!

    Rispondi

  8. Patry
    Gen 29, 2013 @ 16:03:59

    @ Buon pomeriggio a tutte, @ Luisa, @ Valerio, piacerebbe a tantissiimi , lo sanno tutti, specialmente chi lo stà ostacolando con tutte le sue forze!!! @ Come ho già scritto precedentemente npon guarderò il festival, dal momento che non c’è nessuno che mi piace!!

    Rispondi

  9. fede
    Gen 29, 2013 @ 17:41:52

    Buon pomeriggio (finalmente alle 17.30 c.a. fa ancora chiaro)!

    @Alice: Antonella Ruggiero ha una vocalità eccezionale, limpida, cristallina, niente da dividere con i timbri “gracchianti” che sono stati imposti sul mercato ultimamente, non metto in dubbio che potesse avere presentato un pezzo interessante, ma se dobbiamo dar retta alle esternazioni pubbliche di Anna Oxa, che sta facendo un pò il Beppe Grillo della situazione, pare che la commissione selezionatrice non abbia nemmeno ascoltato tutti i brani e anche quelli che si sentiranno al festival sono stati esaminati superficialmente; io mi limito a riferirvi cos’ha più volte ribadito la cantante pugliese, sia all'”Arena” che in altre sedi, ne esiste traccia su You Tube.

    Rispondi

  10. fede
    Gen 29, 2013 @ 17:51:14

    Che?Elio dato per vincitore?ma che scherziamo?vi ho già raccontato che l’estate scorsa ho assistito a una sua esibizione a due passi dalla località dove abito, beh, a parte l’aver cantato egregiamente con voce baritonale alcune arie d’opera, per il resto si è sbizzarrito in monologhi, per sua definizione “nonsense”, che la gente, da come ha commentato, ha piuttosto interpretato come scemenze pure, non ha nemmeno un repertorio ben definito, lo ricordo solo per la parodia di “Per tutte le volte che”, non avendo la minima idea di quale sia la sua produzione artistica e che genere musicale pratichi.

    Rispondi

  11. alice
    Gen 29, 2013 @ 18:04:48

    @ Fede: a quanto ho capito io non esiste una commissione esaminatrice, c’è il direttore artistico Pagani che ha selezionato le canzoni credo anche Fazio abbia detto la sua.
    Elio aveva rischiato di vincere pure con “La terra dei cachi” te la ricordi? “Italia si Italia no ” credo il genere sia sempre quello

    Rispondi

  12. alice
    Gen 29, 2013 @ 18:07:28

    La Oxa viene invitata da Gilletti solo perchè fa polemica, al buon Massimo non credo gliene freghi niente delle vecchie glorie. Se la canzone che ha presentato la Oxa assomiglia lontanamente a quella presentata 2 anni fa allora hanno fatto bene a non ammetterla, giuro che quando l’ho sentita la prima volta sono rimasta sconvolta non si capiva una parola, niente a che vedere con la Oxa precedente.

    Rispondi

  13. AnnaSpocchiossa
    Gen 29, 2013 @ 20:56:03

    @Alice …quoto in todo! @Fedissima ,ciao mia affascinantissima signora! Un’altro giorno le andò! 😉

    Rispondi

  14. AnnaSpocchiossa
    Gen 29, 2013 @ 20:59:19

    @Gemmosky,mia cara …è un po che non dai tue notizie! Tutto bene? Ti abbraccio 😀 @Valissima…..che stai a combinà???? Una buona serata,mia rompipalle preferita!@Gloriuccia…..dove sei….ti sei nascosta?? Vieni fuoriiiii! Un abbracciatona anche a te! 😀

    Rispondi

  15. fede
    Feb 01, 2013 @ 18:10:57

    Ciao, ragazze!la faccia di Fazio proprio non vi piace … vedo che siete tutte “latitanti”.

    Rispondi

  16. AnnaSpocchiossa
    Feb 01, 2013 @ 21:12:39

    orribilmente latitanti! 😉

    Rispondi

  17. valethevoice - Tutte insieme: Scanu NUDO! NUDO! NUDO!
    Feb 01, 2013 @ 21:38:33

    IL TALENTO E’ COME L’AMORE: RENDE MIGLIORI
    E’ democratico, contagia la gente e regala un futuro. Ma ci vuole il 90% di dedizione e il 10% di ispirazione.
    di: Philip Glass, da “Grazia”
    Il nostro futuro è il talento. perchè il talento è eterno: non solo vive nell’animo di chi ce l’ha, ma si trasmette in quello della gente, delle generazioni future, del mondo.
    Il talento, poi, è democratico: non dipende dalla razza, dal se sso, dal reddito, dall’età. Certo, è una dote naturale dell’animo e dell’intelletto, perchè alcune persone hanno una sensibilità straordinaria e altre, semplicemente…no.
    L’aspetto più interessante del talento, forse, è che compare spontaneamente.
    Si sentono tante teorie a proposito dell’origine del genio, ma non bisogna dimenticare che c’è molto lavoro dietro. Se ci fosse una formula, azzarderei questa: 90% di dedizione e un 10% di ispirazione. E’ originalità, stile, ma anche lealtà e onestà. Bisogna essere fedeli a se stessi per maturare. Senza sacrificio e duro lavoro una virtù come questa non potrà fiorire mai e poi mai.
    Come riconoscere il talento? E’ difficile: è come guardare u tramonto, l’alba o un cielo stellato. Li osservi, sai che sono bellissimi, ma non hai parole per descriverli.
    Al tempo stesso, però, queste meraviglie sono imprevedibili: non sai mai che cos’altro ti riserveranno. E così stai lì a osservarle con il cuore pieno di speranza.
    E’ per questo che amiamo il talento. Perchè è come l’amore: qualcosa che si prova, ma di cui, in realtà, nessuno sa spiegare l’origine. Esiste, rende il mondo meraviglioso e noi, in molti sensi, migliori.
    Il talento, come l’amore, ci da’ una ragione per provare emozioni, per andare avanti, per vivere.
    Io sono un compositore, e mi è sempre piaciuto lavorare con i giovani. Hanno originalità, stile, lealtà, onestà. Alcuni sono di un’ingenuità disarmante (un po’ di saggezza arriva solo con gli anni), una caratteristica che comunque trovo splendida, nella sua purezza: la perfetta sintesi di quell’attimo fuggente che è la gioventù.
    Loro mi hanno insegnato che la musica può davvero salvare il mondo. E’ la verità, ho visto il suo potere e so quello che è in grado di fare: cambiare la gente, ma non solo.
    Basta un pianoforte per trasformare cantine e grandi magazzini in luoghi d’arte.
    Immaginate l’Italia senza sculture e chiese, o senza la sua cucina. Che cosa resterebbe? Ecco, così è il mondo senza musica. E che cos’è questa, se non talento?
    E’ questa la miglior forma di contagio che io conosca.
    Per me l’ispirazione viene proprio dall’opera di altri artisti. Attori, registi, coreografi, fotografi.
    A volte può bastare un gesto, un momento, uno sguardo, un incontro, un’immagine imperfetta eppure in grado di lasciare qualcosa dentro di me.
    E’ da qui che dobbiamo partire per costruire il nostro futuro: in quei frammenti irripetibili che sono poi attimi di vita indimenticabili. Gli stessi che, se hai la fortuna di vederli e riconoscerli, vivranno per sempre nella tua memoria e in quella delle future generazioni.
    (Philip Glass, 75 anni, è un compositore americano ed è tra i più famosi autori contemporanei. Ha scritto opere, sinfonie, concerti e colonne sonore. Nel 2007 è stato candidato all’Oscar per quella di “Diario di uno scandalo”).

    Rispondi

  18. gemma
    Feb 01, 2013 @ 22:32:33

    Buonasera

    @AnnaSpocchiossa ci sono e vi leggo sempre,purtroppo per me è un periodo particolare, sono a corto di “parole”e poco stimolata,spero finisca presto

    @Valethevoice bello il tuo post 🙂

    Rispondi

  19. valethevoice - Tutte insieme: Scanu NUDO! NUDO! NUDO!
    Feb 01, 2013 @ 23:15:49

    Ciao@ Gemma, bell’articolo, vero? Diffondilo, se ti va.
    Io sto passando un periodo come il tuo, ti capisco. Buonanotte, ti auguro sogni sereni. 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: